QUANDO SEI FELICE, FACCI CASO…

Lo scopo di tutte le attività di Counseling è di facilitare l’attivazione di processi di consapevolezza, empowerment e padronanza di sé.

La metodologia integrata che propongo, prevede modalità interattive ed esperienziali mirate all’individuazione di strategie e soluzioni creative in presenza, attraverso degli incontri individuali, oppure in coppia con il tuo/ la tua partner, o in un gruppo (max. sei persone).
Se sei distante, gli incontri li puoi svolgere comodamente da casa, utilizzando la piattaforma Meet.

Se vuoi iniziare un percorso di scoperta e di potenziamento delle tue risorse, puoi conoscere meglio chi sono e la mia mission sul blog CREATTIVA, energia in movimento: emanuelananni.org


Oppure, puoi inviare un messaggio in privato sulla mia pagina fb: https://www.facebook.com/emanunanni


O scrivermi una mail a: con.creattiva@gmail.com

PAROLE ALTRE

“Nell’antichità, quando gli uomini non avevano la scrittura, gli uomini per comunicare cercavano un sasso la cui forma esprimesse i loro sentimenti e lo inviavano ad un’altra persona.  Chi lo riceveva dalla sensazione al tatto e dal peso capiva i sentimenti di chi lo aveva inviato. Un sasso liscio per esempio per comunicare serenità d’animo e felicità. Uno ruvido e spigoloso trasmetteva preoccupazione per l’altro”.

Dal film Departures

Buona riflessione

PAROLE ALTRE

Amo appoggiare la mia mano sul tronco di un albero davanti il quale passo, non per assicurarmi dell’esistenza dell’albero – di cui io non dubito – ma della mia.

Tutti gli alberi nella sera trepida. Mi ammaestrano con il loro modo di accogliere ogni istante come una buona ventura. […] Non hanno preoccupazione di nulla, e soprattutto di un senso. Attendono, di un’attesa radiosa e tremula. Infinita. […] Un albero che risplende di verde. Un viso inondato dalla luce. Questo basta per ogni giorno. Anzi, è molto. Vedere ciò che è. Essere ciò che si vede. Smarrirsi nei libri, o nei boschi. La natura sommerge i libri. L’erba ricopre il pensiero. Il verde assorbe l’inchiostro. […] L’arte di camminare è un’arte contemplativa. All’inizio si guarda quello cui si passa accanto, poi lo si diventa. Non si è più una traversata luminosa del paesaggio. Si è soltanto, se stessi […]. Non si lotta più con l’aria, con il vuoto dell’aria, con gli angeli nel vuoto. […] Si è nelle migliori mani che ci siano, quelle del vento, del nulla innocente di ogni giorno. Portati via, abbandonati, ripresi. Che altro?”

Oggi: Christian Bobin

Christian Bobin (Le Creusot, 24 aprile 1951) è uno scrittore e poeta francese, vincitore del premio Prix des Deux Magots nel 1993.

Opere:
Francesco e l’infinitamente piccolo, Cinisello Balsamo, Edizioni San Paolo, 1996 (ultima edizione 2012).
L’uomo che cammina, Magnano, Edizioni Qiqajon, 1998.Presenze, Verona, Perosini, 2000.
Resuscitare, Milano, Gribaudi, 2003.Il distacco dal mondo, Servitium, 2005 (isbn 9788881662302)
L’equilibrista, Milano, Servitium, 2005 (isbn 9788881662401).
La luce del mondo, Milano, Gribaudi, 2006.Consumazione.
Un temporale, Servitium, 2006 (isbn 9788881662744).
L’amore è proprio una piccola cosa, Milano, Gribaudi, 2007.
La parte mancante, Servitium, 2007 (isbn 9788881662869).
L’ottavo giorno della settimana, Servitium, 2008 (9788881663026).
Mille candele danzanti, 2008.
Più viva che mai. Una storia d’amore dura per sempre, Cinisello Balsamo, Edizioni San Paolo, 2010.
Elogio del nulla, Servitium, 2005, nuova edizione 2010 (isbn 9788881663309)
L’altra faccia, Servitium, 2010 (isbn 9788881663187).
Una biblioteca di nuvole, 2012.
Autoritratto al radiatore, Animamundi edizioni, 2012.
Folli i miei passi, 2013.
Cristo come i papaveri, Silvia Editore, 2013.
Sovranità del vuoto, Animamundi edizioni, 2014.
Un sole che sorge, Edizioni gruppo AEPER, 2014.Louise Amour, Camelozampa editore, 2014.
Resuscitare, Animamundi edizioni, 2015.
Mozart e la pioggia, Animamundi edizioni, 2015.
La vita e nient’altro, Animamundi edizioni, 2015.
L’uomo del disastro, Animamundi edizioni, 2015.
Il Cristo dei papaveri, Brescia, Editrice La Scuola, 2016.

PASSEGGIATA CONSAPEVOLE

Oggi Passeggiata Consapevole in questo splendido posto.

Abbiamo posto il focus sul disgusto, un’ emozione a cui spesso non diamo la giusta attenzione.

Ogni emozione ha senso che esista in noi per essere sperimentata. Le emozioni sono amiche, tutte buone!

Saperle riconoscere nel contesto in cui ci troviamo e gestirle con un certo livello di consapevolezza è un requisito indispensabile. Ci rende vivi, consapevoli e liberi, in sintonia con noi e gli altri qui e ora.

“Se sappiamo fare queste 4 azioni mentali: percepire, riconoscere, nominare e lasciar andare abbiamo tutti gli strumenti necessari per affrontare la nostra vita emotiva.
 Non c’è emozione che può danneggiarci perchè abbiamo in mano le chiavi della regolazione emotiva. Cosa significa regolazione emotiva? Non significa darsi delle regole, come la parola potrebbe far pensare. Significa saper riconoscere quello che proviamo – ossia esserne consapevoli –  e saperlo percepire e accettare.

Così se le tue emozioni ti danno “da fare”, se c’è qualcosa che proprio in questo momento ti turba, prova a praticare con attenzione ai seguenti elementi: prova a sentire con chiarezza, riconoscere quale azione si nasconde nell’emozione che provi, guarda se puoi accettare quello che provi, mantenendo l’attenzione sull’esperienza. Sembra una formula magica ma non lo è. È un modo onesto per coltivare la radice della felicità.

È a causa della natura impermanente del dolore che possiamo trasformarlo. È a causa della natura impermanente della felicità che possiamo coltivarla.”

Thich Nhat Hanh

Buon lavoro

PAROLE ALTRE

Il nostro Io più giovane, che può essere testardo e cocciuto quanto il più bizzarro bambino di tre anni, non si lascia impressionare dalle parole. Per risvegliarne l’interesse, dobbiamo sedurlo con belle immagini e sensazioni piacevoli, portarlo fuori a cena e a ballare. Solo in questo modo può essere raggiunto.”
Starhawk

Miriam Simos, meglio conosciuta come Starhawk (Saint Paul, 17 giugno 1951), è una saggista e attivista femminista e tra le più note tealoghe nel mondo

Starhawk è una delle voci-guida della spiritualità femminista delle donne. È autrice e coautrice di nove libri, tra cui La Danza a Spirale (Macro Edizioni) considerato un testo essenziale per i movimenti Neo-Pagani. Attivista del movimento pacifista, femminista, ecologista e sciamana, tiene conferenze e seminari in tutto il mondo.
(Dal web)

ESERCIZIO DEL GIORNO

Trova un luogo tranquillo davanti ad uno specchio, preparati a respirare consapevolmente e profondamente dal naso, lentamente, avendo cura che l’espirazione sia più lunga dell’inspirazione, alza gli angoli della bocca per un sorriso. Dolcemente, chiudi gli occhi.

INSPIRA e pensa – IO –

ESPIRA e pensa -ESISTO-

INSPIRO – IO –

ESPIRO – ESISTO-

INSPIRO – IO –

ESPIRO -ESISTO-

Ripeti questo esercizio per il tempo che lo desideri, al bisogno. Non presenta controindicazioni.

L’affermazione IO ESISTO e’ molto potente.
 E non va data per scontata affatto.

Spesso viviamo eventi o incontriamo persone che con un certo tipo di atteggiamento, mettono in discussione la nostra esistenza.
 Alcune parole e atteggiamenti sono altamente svalutanti e minano pesantemente l’autostima e la capacità di giudizio di chi le riceve.

 “Stai zitta”, “sei pesante”, “non vali abbastanza”, “non sei abbastanza” “sei troppo…” ” non me la sento di stare con te” “lo faccio per te…”
Arrivano alla pancia di chi le riceve, come un pugno allo stomaco, in sostanza affermano: “non esisti”.

L’ affermazione di esistenza si fa a partire da noi.
 Il valore di una persona lo dà la persona stessa, quando riesce a  riconoscerlo  dentro di sé.

Costruiamo il nostro pensiero ed il nostro modo unico di stare al mondo da tutte le esperienze passate, dal concepimento in poi.

La scoperta fantastica è che, GRAZIE a tutto quello che è stato nella nostra vita, OGGI  ESISTIAMO, viviamo e riconoscere questo può cambiare il nostro sentire di oggi!

IO ESISTO lo posso affermare malgrado la mia storia dolorosa.

IO ESISTO lo posso affermare perché OGGI sono quella che sono, anche GRAZIE a chi ha prodotto sofferenza.

IO ESISTO lo posso affermare perché io e soltanto io, posso dirlo per me.

IO ESISTO lo posso affermare perché non ho bisogno che qualcun’altro RICONOSCA il valore della mia esistenza.

IO ESISTO restituisce potere decisionale ed assunzione di responsabilità per la mia vita di oggi.

E  TU OGGI, QUI E ORA,  TI RICONOSCI IL DIRITTO DI ESISTERE?

È un lavoro complesso ed allo stesso tempo LIBERANTE. Abbi cura di curare lo sguardo, che sia di compassione, non giudicante, verso quell’immagine che si riflette allo specchio, oggi.

Buon lavoro!

GATTOTERAPIA

Ho scoperto i gatti da qualche anno, grazie
 all’arrivo in casa di una piccolissima micia.

Amo i cani, gli animali in genere tuttavia, devo ammettere, che non ho mai avuto grande confidenza con i gatti.

Soffyetto, la mia gatta, mi ha scelta, conducendomi, pian piano, nel loro mondo.


Gironzolando su internet, mi sono imbattuta in questo articolo che parla del “potere” dei gatti, dell’effetto terapeutico che la loro energia ha verso gli umani.
Ritengo che si adatti molto bene al blog.

Al termine dell’articolo troverai anche un link per rilassarti con una meditazione neuroacustica.

Leggi e poi ascolta le fusa dei gatti, curative e calmanti…

Riiiilaaaassssaaaatiiii

Un giorno a Londra, in un istituto che studiava le terapia da applicare agli umani, una gatta di nome Marta è entrata nel laboratorio.
Mentre passava davanti al generatori della corrente a bassa frequenza, i sensori sono andati in tilt. Gli scienziati hanno misurato il campo elettromagnetico della gatta e hanno capito che il gatto è in grado di sostituire il costoso generatore: il suo campo era più potente. Una corrente a bassa frequenza si usa per la cura delle infiammazioni croniche.
Dopo questo inaspettato risultato è stato fatto un esperimento: un gruppo di persone è stato curato con un generatore di corrente di bassa frequenza, mentre nell’altro gruppo sul posto da trattare avevano messo un gatto.
Il risultato: coloro che hanno fatto la gattoterapia sono guariti tutti, mentre nell’altro gruppo era guarita soltanto la metà dei malati.

Il pelo del gatto produce la corrente a bassa frequenza, mentre il contatto tra i peli fa nascere un potente campo elettrico. Queste correnti possono agire sul focolai d’infiammazione e uccidere i microbi.
Un gatto è in grado di sostituire ben 5 moderni generatori di corrente a bassa frequenza. Il gatto stesso non subisce nessun danno, e sa anche quando terminare la seduta e prendersi cura di se stesso.
La terapia felina è particolarmente efficace per la cura delle articolazioni e delle malattie ginecologiche. Le donne possono semplicemente posare il gatto di casa sulla pancia, accarezzandolo per una ventina di minuti, per avere un effetto terapeutico.
Il contatto terapeutico del gatto migliora la circolazione del sangue e rigenera i tessuti.
Il massaggio che i gatti fanno con le unghie, in realtà, agisce sui punti di riflesso, similmente agli aghi dell’agopuntura.
Anche le fusa dei gatti è una terapia (del suono); le fusa sono più potenti della terapia ad ultrasuoni (il gatto stesso fa le fusa per curare se stesso, oltre alla fusa del piacere).
La banda delle frequenze delle fusa (25 – 50 Hz, con le punte fino a 150 Hz) rafforza le ossa, migliora la circolazione cerebrale, stabilizza la pressione e il ritmo cardiaco.
I gatti sanno trasformare l’energia della malattia, sapendo scambiare la loro energia con l’energia umana (occorre dire che l’energetica dei gatti è molto simile a quella umana).
Esistono le malattie “yin”, con la mancanza dell’energia (nevrastenia, artrite, l’ipotensione, la stanchezza cronica), per la cura delle quali il gatto va messo di modo che la sua testa sia a sinistra e la parte posteriore del corpo, a destra. Per queste malattie sarebbero più adatti i gatti bianchi. Per le malattie “yang” (l’ipertensione, infarto, l’ictus) il gatto si mette in posizione inversa; per queste malattie sarebbero più adatti i gatti neri.
I gatti grigi e i tigrati sono “universali” e curano tutto, mentre quelli rossi caricano i loro umani di energia positiva.
Esiste una teoria secondo la quale il gatto sarebbe l’unico animale capace di assorbire una piccola quantità di energia negativa, perciò ogni tanto vediamo i gatti sopra i computer e gli elettrodomestici.
Il gatto sente quando in un certo punto del corpo umano cambia il potenziale energetico, si posa sopra e così riesce ad equilibrare il sistema energetico umano. La gattoterapia può far assorbire degli ematomi interni, senza parlare del ripristino degli scambi cellulari. Coloro che amano i gatti, infatti, si rivolgono ai medici di meno rispetto a chi li evita.

E’ impossibile costringere il gatto a curare il suo umano; occorre che tra i due ci sia l’amore e la fiducia; e i gatti sono molto sensibili a come sono trattati. Il gatto è capace anche di morire se il suo proprietario ha accumulato troppa energia negativa.”
(ranibu.ru)

IL PROGRAMMA NEUROACUSTICO: https://it.advanced-mind-institute.org/store/sonno-salutare/il-gatto-curativo/

🍂🍂🍂🍂🍂 Novembre 🍂🍂🍂🍂
Inizia REWRITE in presenza e on line.

Se hai l’impressione che le storie che vivi, d’amore o di amicizia, ti presentino sempre lo stesso conto da pagare, o se senti di portare dentro una storia d’amore da raccontare ma non sai bene da dove iniziare.
O se ami l’odore della carta, il fruscio della penna che corre sul foglio in un tempo sospeso, intimo, solo tuo.


Oppure provare a “giocare” con personaggi che si muovono e agiscono allo stesso modo ottenendo sempre il medesimo risultato, e vuoi cambiarne il finale…allora REWRITE, RISCRIVI…

Datti una possibilità!🖋📒

Rewrite è un percorso per cercatori di parole, non è necessario “saper scrivere”, la penna sarà il mezzo, la connessione profonda con la parte più autentica di te, il fine.

Se vuoi saperne di più contattarmi Inviando una mail a
con.creattiva@gmail.com

REWRITE🖋📒
RISCRIVI🖋📒